Pages Navigation Menu

La Biodanza di Rolando Toro Araneda

Dall’ideatore di Biodanza: “Pensare in grande!”

Cooperativa Scuolatoro e Museo di Arti Afro-Brasile Rolando Toro inaugurano un sogno dell’ideatore del Sistema Biodanza.

Pensare in grande quotidianamente. Rolando Toro amava scrivere su carta i propri desideri più grandi come fossero una semplice e quotidiana lista di cose da fare. In questa pagina, manoscritta un'anno prima di morire, si nota che il terzo punto riguarda la realizzazione del museo di opere africane.

Pensare in grande quotidianamente. Rolando Toro amava scrivere su carta i propri desideri più grandi come fossero una semplice e quotidiana lista di cose da fare. In questa pagina, manoscritta un’anno prima di morire, si nota che il terzo punto riguarda la realizzazione del museo di opere africane.

Danze, ritmi, parole, pensieri e incontri di sguardi, culture, lingue, di amici vecchi e nuovi, al primo evento della Cooperativa Scuolatoro, un evento pensato e realizzato come tributo a Rolando Toro Araneda, l’ideatore del sistema Biodanza.
Ad agosto 2014 ha avuto luogo l’inaugurazione del Museo de Artes Afro-Brasil Rolando Toro, uno degli ultimi grandi sogni del nostro amato pensatore danzante. Rolando negli ultimi trent’anni aveva sviluppato una passione per pezzi rari, statue e maschere rituali e strumenti musicali, provenienti da diverse località africane e brasiliane, fino ad avere una collezione privata di più di un migliaio di opere.

Photography-Misael-Siqueira-112-431x1024Il suo obiettivo era di renderle accessibili a un ampio pubblico per diffondere la conoscenza di due culture che amava moltissimo, valorizzandole in questo modo.
Negli ultimi anni della sua vita si stava impegnando a realizzare questo progetto con la collaborazione dei suoi amici Lucia Helena Ramos, operatrice didatta di Biodanza e direttrice della Scuola Modello di Biodanza SRTA di Recife, psicologa e studiosa di culture afro-brasiliane, e Armando Montanari, operatore didatta di Biodanza e direttore della Scuola Modello di Biodanza SRTA di Torino, che a tal fine ha messo a disposizione il palazzo nel pieno centro storico della città a pochi passi dal mare, perché divenisse la sede del museo.
All’evento hanno partecipato rappresentanti politici e accademici locali oltre a personalità del mondo Biodanza fra cui Claudete Sant’Anna, sua sposa e direttrice della Scuola Modello di Biodanza SRTA di Belo Horizonte, la Professoressa Gittith Sanchez, direttrice della Scuola Modello di Biodanza SRTA di Santiago del Cile, i figli di Rolando, Rodrigo, Claudia e Mariela, la fondatrice della Cooperativa Scuolatoro e direttrice della Scuola Modello di Biodanza SRTA di Milano Eliane Matuk, e un gran numero di cordiali partecipanti da tutto il mondo, che hanno portato gioia e hanno contribuito a creare una situazione festosa e piena di armonia. Dopo le conferenze e la tavola rotonda degli oratori presenti, c’è stato uno spettacolo di danze eseguito da un gruppo tradizionale locale. Tra le complesse ritmiche dai tamburi sussurranti volteggiavano i colori accesi che caratterizzano l’immaginario attorno a queste terre calde. Nei giorni successivi si sono tenute conferenze su aspetti teorici di Biodanza e anche vivencias e preziose situazioni d’incontro.

 

MUSEU DE ARTES AFRO-BRASIL

Photographer: Misael Siqueira
Ad Agosto 2014 ha avuto luogo la realizzazione di uno dei sogni di Rolando Toro Araneda, ideatore del Sistema Biodanza: l'inaugurazione del Museo di Artes Afro-Brasil. Opere tratte dalla collezione privata di Rolando Toro Araneda.

One Comment

  1. soy Profesora de Biodanza en Santiago de chile, que felicidad ver realizado el sueño de Rolando.. felicidades para uds, ojala que esto se difunda junto a su obra en todo el mundo…
    Pilar

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Share