Pages Navigation Menu

La Biodanza di Rolando Toro Araneda

La vita sotto LockDown – di Coral Carte

Sono un facilitatore di Biodanza; è un metodo di lavoro corporea che consente di affrontare i contenuti dell’inconscio attraverso la comunicazione affettiva e … il contatto.

Il fine settimana in cui il virus ha fatto notizia qui a Milano, la nostra scuola fondata dal grande Rolando Toro stava ritornando sulla scena. Ero lì in una stanza a ballare, abbracciare e tenersi per mano con circa 70 persone che erano venute da tutta Europa per diventare insegnanti didatti, quando i telefoni hanno iniziato a vibrare. Stavo usando il mio, perché stavo scattando e pubblicando fotografie delle danze di questo importante evento.

Il primo messaggio che ho aperto è stato dal mio figlio in preda al panico, la notizia era appena arrivata che il virus si era diffuso dalla piccola città lombarda che era stata isolata nella città metropolitana e la gente era diventata isterica.

Il piccolo tranquillo supermercato dove mi ero fermato domenica mattina presto per comprare il pranzo era stato preso d’assalto da centinaia di acquirenti in preda al panico creando un’ora di fila che si estendeva attorno all’isolato. I supermercati di quella domenica sono sopravvissuti all’assalto con soli ripiani vuoti di pasta e vino, gli italiani
non si sono preoccupati della carta igienica, suppongo perché abbiamo i bidet, quindi non è in cima alla nostra lista. Maschere e disinfettanti per le mani erano finiti settimane prima comunque.

Le scuole sono state chiuse, lavoro come libero professionista con i bambini e non avevo solo una, ma 12 lezioni coi bambini, e sono stati tutti messi in standby.
Le mie lezioni di business inglese con i responsabili di risorse umane e di finanze in una meravigliosa azienda multinazionale di 3.000 sono state cancellate.

Abbiamo passato la prima settimana in uno stato di confusione, andando a letto tardi, incontrandoci clandestinamente e a guardare Netflix.

Poi è stato prolungato per un’altra settimana, mi hanno richiamato per lezioni di inglese.
L’azienda aveva fornito una grande bottiglia di disinfettante per le mani all’ingresso, oltre a dare ai dipendenti la possibilità di fare il tipo di lavoro intelligente che stavano cercando di implementare per mesi.

Il viaggio in metropolitana con una quantità così drasticamente
ridotta di persone è stato di solo mezz’ora invece della solita ora.
I ristoranti erano ancora aperti e sono uscita a cena con un nuovo interesse amoroso, sentendomi surreale, amore ai tempi del colera.

Ho viaggiato fino a Como per lavorare su una traduzione e al ritorno i erano treni vuoti per metà. Il mio amico, fuori per una conferenza in
un’altra provincia, mi ha telefonato dicendo che, contrariamente ai suoi piani, avrebbe dovuto essere a casa entro la mezzanotte di domenica prima che fosse approvato un nuovo decreto per fermare ogni viaggio tra le province.

Ha dovuto comprare un altro biglietto ed è arrivato alla stazione centrale di Milano trovando una folla di persone che cercavano di scappare dalla provincia prima del blocco.

Alle 2 del mattino il governo firmò il documento ufficiale mettendo la Lombardia in quarantena totale. Un amico vigile mi ha inviato un pass che potevo usare per circolare a condizione che mi trasferissi per lavoro,
salute o per tornare a casa. Il giorno dopo l’intero paese fu dichiarato zona rossa e fummo esortati di rimanere a casa.

Rimaniamo dentro, ma l’unico grande cambiamento è che devi fare la fila per almeno mezz’ora per entrare nel supermercato, dove non manca nulla tranne le maschere e il disinfettante.

Gli autobus e il trasporto pubblico funzionano a metà capacità, occupati da
poche persone in maschera. Per quanto ne so io nessuno è stato fermato per muoversi.

Un elicottero gira intorno ogni poche ore circa, ma altrimenti c’è silenzio come una domenica di Pasqua.

Le pesche e ciliegie sono cosparse di fiori. È uno dei miei periodi preferiti a Milano, ancora fresca prima dell’assalto delle zanzare e del caldo così umido che possiamo dormire non prima delle due del mattino, ma ora i colori sembrano più intensi.

Essere chiusi non fa bene alla salute mentale, né alla salute fisica. Tiro fuori la mia bicicletta clandestinamente e giro al sole attraverso la città fino a quando sono coperta di sudore e bevo acqua addizionata con una dose massiccia di vitamina C.

Alcuni giorni vado a letto alle 4 del mattino e gli altri resto a letto tutto il giorno.

Mi preoccupo della maturità di mio figlio. Anno iniziato lezioni online già la seconda settimana di quarantena; accede senza videocamera e gioca su metà dello schermo, mentre la classe fa equazioni. Dicono che gli esami di maturità si terranno con uno studente alla volta fatto come esame orale con solo i loro professori interni anziché l’intero gruppo che scrive con esaminatori esterni.

Ciò significa che l’intera Italia sarà facilitata a passare, ma anche che tutti i suoi piani di andare in un’altra città europea per la sua università sono ormai da scordare.

Ho cancellato e perso i miei biglietti aerei per una conferenza a Las Vegas; avevo risparmiato per mesi per partecipare. Non mi sono rimasti soldi sul mio conto corrente, ora sto usando la mia carta di credito.
Sono pagata alla fine dei miei progetti, e finora sono stati ritardati di tre settimane senza possibilità di riavviarli nel prossimo futuro, se non
addirittura quest’anno.

La nonna di mio figlio compra cibo per noi. Le mie lezioni di inglese non sono state pagate da novembre e sto aspettando che arrivino i soldi per pagare la bolletta della luce, sperando che non la taglino perché non possono nemmeno loro entrare in ufficio.

Ci parliamo molto su WhatsApp e Messenger. Un uomo sposato mi manda foto nude di sè stesso su Telegram. La sensazione che sia la fine del mondo inietta una sensazione di nostalgia e una sorta di urgenza alla comunicazione.

Sembra che dovrei fare sesso prima di morire. Le teorie della cospirazione abbondano. Ancora non conosco nessuno che conosca qualcuno che ha il virus ma ci dicono che si sta diffondendo rapidamente.

I piccoli atti assumono un significato enorme. Al self-checkout del supermercato l’uomo che aspetta dietro di me riporta il mio cestino in pila, lo ringrazio e ci guardiamo negli occhi per un momento più lungo di quanto l’avremmo fatto prima di questi strani tempi.
È un bell’uomo con un bel sorriso e la mia amica cassiera se ne accorge, per un momento noi due donne ci scambiamo sguardi complici. Quando è la fine del mondo, questi piccoli gesti e scambi hanno un nuovo significato.

Il mio nuovo amico mi regala un bellissimo braccialetto di ossidiana, è un atto magico; mi lega il polso con una pietra che dovrebbe proteggere e radicare. In tempi come questi in cui nulla è reale, questo tipo di gesto diventa immensamente importante e ci rivolgiamo a questi in assenza di una realtà concreta.

L’amore e i gesti umani assumono proporzioni epiche quando non si ha la certezza del futuro.

Traduzione dall’articolo originale comparso il 13/03/2020 sul giornale “The Witness”

Share

2 Comments

  1. Cara Coral
    Bellissimo il tuo articolo, sei riuscita molto semplicemente ad entrare nel mio sentire.
    Anch’io passo da momenti di ottimismo a pessimismo, ma poi mi reputo fortunata perché sto bene e così continuo a starmene da sola chiusa in casa dandomi delle regole ben precise.
    Anch’io ho dovuto bloccare il mio settimanale di biodanza, ho dovuto prima spostare e poi annullare il mio stage di bioacquatica…..resta ancora in piedi il solstizio d’estate, stage residenziale che da un po’ di anni teniamo Bianca ed io, siamo ancora speranzose.
    Non ci resta che mettersi degli obiettivi e “marciare” per raggiungerli.
    Un bacione grosso e un abbraccio forte Laura Pugno

  2. En estos momentos de poca sensualidad grupal, nos queda las reuniones con los miembros de otros grupos de Biodanza para compartir y vincularnos. Recordar que somos y estamos aunque no nos tocamos.
    Gracias por vuestro correo.
    Gracias familia de Biodanza.
    Gracias Rolando Toro.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share