Pages Navigation Menu

La Biodanza di Rolando Toro Araneda

RICORDANDO SFIDE CONTEMPORANEE – BIODANZA di Carla Toffanello

SFIDE CONTEMPORANEE – BIODANZA 10/10
Locandina dell’evento

Rolando Toro: un incontro fondamentale nella mia vita.

Sul calendario leggo, che il giorno 19 aprile sarà tra due settimane, tra poco è il compleanno di Rolando Toro. La ricorrenza è sempre stata ricordata e celebrata. In questo periodo però siamo in “quarantena”, quindi ci domandiamo: come fare? Cosa fare?

Siamo isolati, ognuno chiuso nella propria casa. Le voci esterne parlano di contagio, di virus, di stare lontani l’uno dall’altro per non essere infettati e così temiamo il pericolo che aleggia intorno a noi.

Malgrado questo, la paura non ha intaccato la nascita di pensieri e neppure la capacità di creare idee.

La data della celebrazione s’avvicina.

Sfide

“Se l’esistenza umana è costituita da dilemmi ed enigmi, in essa giace la millenaria saggezza della vita” Dal libro – Progetto Minotauro.

Così abbiamo deciso di ascoltare la voce della vita e sfidare la paura dell’isolamento sociale.

Noi lo conosciamo il Minotauro tante volte l’abbiamo incontrato, amorevolmente accompagnate da Rolando Toro.

Ci lasciamo trasportare dall’entusiasmo, dalle nostre affinità ed ecco che nei nostri pensieri s’inserisce il “filo rosso” che traccia la matrice storica dell’evento.

Così il quadro del progetto inizia ad avere le prime pennellate di colore. Da cui l’evento Sfide contemporanee -Biodanza per omaggiare Rolando Toro.

Tecnologia

La tecnologia riempie la distanza e mentre parliamo si crea un’immagine nella mia mente. Immagino una piccola goccia d’acqua che piano piano si espande per diventare grande, sempre più grande, come tutta la massa d’acqua che la contiene.

L’immagine diventa realtà il 19 aprile 2020 quel grande cerchio nell’acqua è diventato una ronda che ha circondato il mondo intero. In quel momento Tutti siamo uno come dice il titolo della poesia di Rolando Toro.

Nella ronda: mani, sguardi, cuori, si sono intrecciati in un’unica danza La danza della vita.

Poesia

Le parole poetiche emozionano e indicano la via da intraprendere.

 

L’estasi del rinato

Dal nulla dovremo estrarre

la nostra energia.

dalla notte strapperemo il sole

Dal vuoto verrà sempre rinnovato

il tuo tenero sguardo,

il canto della terra in silenziosi frutti.

In orizzonti risplendenti

l’estate alzerà la sua testa di toro.

Quando la morte ci ridurrà in polvere

ancora alzeremo

un girasole di polline e api.

Dall’abisso che separa gli amanti

torneremo ancora

a sigillare un abbraccio

sotto la gloria del mondo.

Lacerati, perseguitati,

senza pane, in terra straniera

danzeremo trionfanti

nel polmone delle stelle

di un milione di anni luce.

Dal nulla verrà il tuo sorriso,

dalla mia solitudine estrarrò tutto l’amore

e berremo il nettare di tutti i frutti,

la passione di tutti i baci.

Essendo stati sconfitti

cadremo ridendo

nella mattina di un nuovo aprile.

Essendo invecchiati

vedremo riflesso il nostro viso di bambino

in moltitudini di dolcezza e canti.

Rinasceremo

contro la nostra stessa volontà di morire.

Staremo spogli,

abbracciati,

mescolati,

in un vortice di carezze.

Anche nel mezzo della desolazione

vivremo.

Nell’asfalto screpolato,

esploderanno i gerani.

In mezzo all’abbandono,

nella morte interiore,

esiliati dal Paradiso,

risorgeremo in estasi.

Anche se tra le bombe,

nell’insano uragano della stupidità,

rinasceremo, lucidi e generosi.

Vivremo nonostante noi stessi.

Con l’ultimo gesto di tenerezza

rinasceremo trionfanti

puri e illuminati.

Rolando Toro

Share

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share