Pages Navigation Menu

La Biodanza di Rolando Toro Araneda

#ventirighescuolatoro – Antonella Bandini

La sensazione di essere di fronte ad una persona umanamente geniale

Antonella Bandini
antonella-bandini-rolando-toro-picIo credo che la vita sia data da un susseguirsi di incontri con persone, esperienze immagini e da ognuno di questi incontri prende vita una nuova storia.

Per me l’incontro con la Biodanza è stato uno dei più importanti ed ha avuto il potere di imprimere un cambio di direzione di marcia al mio cammino.

La Biodanza è entrata nella mia vita di soppiatto, nascondendosi tra le pieghe di un seminario esperienziale, pochi esercizi presi in prestito, l’angelo custode, incontri con abbracci, la scoperta della possibilità di affidarsi ad un amico, di poter andare con fiducia all’incontro con l’altro.

Tanto è bastato per far nascere in me la sorpresa, la curiosità, l’interesse che mi ha portato a frequentare il mio primo settimanale: è stato innamoramento immediato. Ogni volta mi coglieva di sorpresa l’intensità di ciò che provavo e la facilità con cui si manifestavano le emozioni, quasi fossero lì, in attesa che una mano gentile sollevasse il velo dietro il quale se ne stavano acquattate.

Nello spazio di quelle due ore sentivo di entrare in contatto con la mia parte più profonda, più intima, più pulsante. Mi sembrava quasi di non aver vissuto fino in fondo le mie emozioni prima di allora.

Poi, dopo un po’ che frequentavo il settimanale, ho partecipato ad uno stage tenuto da Rolando al centro Saini. La prima volta che lo incontravo! È stata un’immersione totale, nel mare di persone, nell’emozione. La sensazione di essere di fronte ad una persona umanamente geniale, il suo discorso sul Cile mi ha fatto capire quanto fosse partecipe della storia.

Ci sono stati fortunatamente altri incontri, altri stage che mi hanno sempre più avvicinato a lui, fino all’ultimo, un modulo di Biodanza Clinica in cui, mostrandoci la vivencia sull’Inconscio Numinoso, più che una dimostrazione ha donato se stesso a noi, che lo guardavamo stupefatti, ammutoliti e con i brividi sulla pelle.

Grazie Rolando.

Share

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Share