Pages Navigation Menu

La Biodanza di Rolando Toro Araneda

#ventirighescuolatoro – Mariateresa Oldani

Danzavamo lì sull’ombelico del cerchio

Mariateresa Oldani
maria-teresa-oldani-picQuando entro in una stanza per condurre una sessione di biodanza, l’immagine che mi accompagna è quella primordiale del cerchio e di quello particolare del IX ciclo unito alla sensazione molto forte provata quando in una grande sala su un parquet per la prima volta alcuni miei compagni erano entrati nel cerchio per fare la loro prima dimostrazione.

Fu uno dei momenti più commoventi per me nel corso dei primi cinque anni di studio e guardando gli occhi di Eliane , direttrice della Scuola ma soprattutto in-segnante, mi emozionai moltissimo immaginando quante volte doveva aver provato quella grande emozione, quel brivido della nascita del primo vagito di creature che il lungo percorso di anni di formazione portava lì.

Il cerchio era davvero una pancia materna da cui noi nascevamo. Prendevamo forma nelle dimostrazioni emergendo dal caos, ci staccavamo dall’ombelico per prendere la parola facendo la prima consegna di un esercizio nella nostra vita.

Prendevamo lo spazio per esprimerci come mai prima come nuove-i. Danzavamo lì sull’ombelico del cerchio. Il famoso “centro del mondo” (C.G.Jung) citato da Rolando Toro a proposito della sessione come “cerimonia di trasformazione”.

Per la verità questa è stata negli anni la mia immagine guida, il simbolo di un bel cerchio è per me, ma forse per tutti noi che conduciamo assolutamente protettiva e necessaria al nostro primo sguardo, vagito, emozione a partire da quando siamo tutti seduti per l’introduzione teorica.

Desidero sempre di più la propagazione di questo movimento di cerchi sempre più grandi e nuovi.

Share

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Share