Pages Navigation Menu

La Biodanza di Rolando Toro Araneda

#ventirighescuolatoro – Valkiria Bolinelli

Sì, senza dubbio, Rolando Toro Araneda è stato un uomo di grande successo

Valkiria Bolinelli

valkiria-bolinelli-rolando-toro-picSe dovessi parlare del Professore Rolando Toro Araneda a delle persone che non hanno avuto la fortuna di conoscerlo direi, senza esitare, che egli è stato un uomo di grande successo.

Non è facile da definire cosa sia il successo, giacché può significare cose diverse per persone diverse. Ci sono, però, certe caratteristiche comuni alle personalità di successo: determinazione, entusiasmo, fiducia nelle proprie intuizioni, coraggio di portare avanti idee innovative, dedizione instancabile. E tutte queste Rolando le aveva.

A partire dai suoi insight sull’effetto dell’interazione della musica e del movimento su malati psichiatrici, Rolando ha dato inizio, negli anni ’50, alla costruzione di una teoria non soltanto innovativa, quanto efficace per lo sviluppo e l’espressione del potenziale genetico umano, e l’ha chiamata Biodanza.

Rolando è considerato, tra di noi che lavoriamo con il sistema Biodanza, un genio, perché è stato in grado di anticipare diverse importanti idee e concetti che attualmente, con lo sviluppo delle scienze, in particolare della biologia e delle neuroscienze, stanno trovando conferma.

Dopo i buoni risultati delle sue prime esperienze, Rolando è stato stimolato ad applicare il suo sistema fuori dell’ambiente psichiatrico. Da allora l’utilizzo del sistema Biodanza è cresciuto senza sosta e attualmente troviamo gruppi di Biodanza nei quattro punti cardinali. Fino alla sua scomparsa, avvenuta all’età di 85 anni, Rolando non ha mai smesso di studiare e di portare avanti le sue ricerche sull’effetto del sistema Biodanza.

Sì, senza dubbio, Rolando Toro Araneda è stato un uomo di grande successo.

Share

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Share